BAMBINI CARDIOPATICI

Dona Ora

Il progetto “Bambini Cardiopatici” ha avuto inizio nel 2010 in seguito a una visita in Guinea Bissau da parte degli specialisti del Cardiocentro Ticino di Lugano (Svizzera): i medici avevano riscontrato un’alta incidenza di malattie cardiovascolari nella popolazione infantile, principalmente patologie congenite dovute a complicazioni da infezioni batteriche o virali che, non curate durante la gravidanza, degenerano in valvulopatie nei primi anni di vita del bambino.

Grazie alla collaborazione con la struttura svizzera e con altri centri in Italia, Spagna e Portogallo, l’associazione locale “Ceu e Terras” ha così avviato un programma per l’espatrio dei bambini al fine di farli operare in strutture opportunamente attrezzate. In Italia Kibinti fa riferimento a tre strutture: l’Ospedale “Papa Giovanni XXIII” di Bergamo, il Grande Ospedale Metropolitano Niguarda di Milano e l’Ospedale “Borgo Trento” di Verona. Per i piccoli seguiti a Verona collaboriamo con Voci e Volti Onlus, associazione amica di Kibinti da molti anni attiva anche in Guinea Bissau.

Kibinti si è avvicinata al progetto nel 2011 quando due famiglie legate alla nostra associazione hanno accolto Leandro e Juvinal, arrivati dalla Guinea Bissau tramite “Bambini del mondo Onlus” di Mantova. Questa esperienza ci ha arricchito e ha fatto nascere in noi il desiderio di impegnarci in questo progetto.

L’iter per ciascun bambino
Kibinti si occupa dell’intera gestione del progetto che normalmente ha questo iter:

  • Il Dottor Augusto Bidonga, responsabile del progetto a Bissau, in equipe col Dr. Fernando Assaiemo sottopone i bambini a screening e segnala i vari casi ai medici del Cardiocentro Ticino e dell’Ospedale “Borgo Trento” che possono così esprimere un parere sull’opportunità di operare il piccolo.
  • In caso di parere positivo, il bambino viene inserito in una lista d’attesa e tenuto monitorato dai dottori Augusto e Fernando. Vengono, quindi, convocati i genitori per un colloquio informativo sulle possibilità di cura del figlio, sull’entità dell’intervento e sul percorso da affrontare.
  • Ottenuta la loro autorizzazione, i responsabili locali insieme a Kibinti si attivano per l’ottenimento del passaporto del minore e del visto che ha una durata di 3 mesi.
    Kibinti si occupa di gestire i contatti con la struttura ospedaliera di riferimento in Italia. L’associazione si fa garante della copertura finanziaria presso gli enti preposti e dell’ospitalità del bambino presso una famiglia di accoglienza. La famiglia è affiancata in ogni fase dell’esperienza da Kibinti e supportata da una rete di volontari.
  • Completate le pratiche, il bambino/a può arrivare in Italia accompagnato dal medico responsabile. Il bimbo viene sottoposto agli esami pre-ricovero e quindi operato. Durante la degenza post-operatoria, Kibinti organizza i turni dei volontari per garantire al piccolo assistenza 24 ore su 24.
  • Terminata la degenza, i bambini vivono insieme alla famiglia di accoglienza fino alla completa guarigione e al rientro in Guinea Bissau dove vengono tenuti sotto controllo dai nostri medici locali e internazionali.

Il Nostro impegno
2011 – Prima esperienza di ospitalità di Leandro e Juvinal (attraverso l’associazione “Bambini del Mondo Onlus” di Mantova);

2012 – Diamantino, Siaca, Lamine e Izamara, ospitati e operati a Verona;

2013 – Notacio, Abulai, Felicio, Alfredinha e Frankim, ospitati e operati a Verona (seguiti dall’Associazione Voci e Volti Onlus);

2014 – Fabiana, Ronei e Emiliano, operati a Verona;

2015 – Corca, Justina, Adama, Adul e Buahn operati a Bergamo; Adama, Cubula e Mariama ospitati e operati a Verona (seguiti dall’Associazione Voci e Volti Onlus);

2016 – Saliu, Braima, Abdulai, Eusebio, Odete, Lamine, Marcelo e Batchcutcham ospitati e operati a Verona (seguiti dall’Associazione Voci e Volti Onlus). Sindom, Alexiliana, Mina operati a Bergamo, Liandro e Manuela operati a Milano:

2017 Helia, Mila e Quintino spitati e operati a Verona (seguiti dall’Associazione Voci e Volti Onlus). Marinho operato a Bergamo e Djabu operato a Milano.

Per maggiorni informazioni contattateci all’indirizzo email turni.bimbicardio@gmail.com

Responsabili: Clara Corti, Cecilia Mariani, Barbara Muzzupappa e Roberta Pizzoni.

Alcune considerazioni
Il progetto “Bambini Cardiopatici” opera in un campo ad alto rischio. I bambini sono in condizioni di salute molto gravi (nonostante l’accuratezza dei medici nel selezionare i casi che hanno più probabilità di sopravvivenza), e la percentuale di insuccesso è inevitabilmente più alta di quella prevista in interventi meno complessi.

Abbiamo accettato la sfida di metterci in gioco e superare le nostre paure, per dare una speranza di vita ai bambini della Guinea Bissau affetti da cardiopatie. Quello che ci viene chiesto è di accompagnarli per un breve tratto della loro vita e questo significa condividere con loro la gioia dei successi quando tutto va bene ma anche il dolore del fallimento se qualcuno non ce la fa. La morte di un bambino è un evento traumatico, in qualunque parte del mondo ed a qualunque latitudine, ma maggiormente da noi che viviamo in una società progredita che è riuscita negli anni a minimizzare questi rischi.

Può succedere che i nostri bambini cardiopatici non ce la facciano: per i lunghi periodi necessari per ottenere i visti per l’espatrio, perché al ritorno in patria nuove patologie o complicazioni endemiche vanificano i risultati ottenuti con l’operazione, perché nessuno fa miracoli e anche i medici italiani non possono sempre riuscire a salvare tutti… e per mille altri motivi.

Per ogni bambino che perdiamo anche un pezzo del nostro cuore li accompagna. Ma la percentuale di salvezza è alta! E senza il nostro intervento la probabilità di sopravvivenza per questi piccoli sarebbe pari a zero. Abbiamo deciso che un pezzetto dei nostri cuori è un prezzo che vale la pena pagare.

5 X 1000  PROMEMORIA VERSAMENTI

Impostazioni Cookie
Tipologia Abilitato
Cookie tecnici
Per permettere il corretto funzionamento, questo sito utilizza i seguenti cookies tecnici (per cui non è necessario il consenso preventivo): wordpress_test_cookie,wordpress_logged_in_,wordpress_sec.
Altri tipi di cookie
Utilizziamo altri tipi di cookie per offrirti un'esperienza migliore sul questo sito web.
x

Kibintionlus.org per offrirti una migliore esperienza digitale su questo sito utilizza cookie di sessione e di terze parti. La prosecuzione della navigazione mediante consenso (pressione su ACCETTO) comporta l'accettazione all'uso dei cookie. Procedendo con la navigazione, dunque, autorizzi la scrittura di tali cookie sul tuo dispositivo. Se ritieni di modificare o negare il consenso, ti preghiamo di accedere al Centro di Controllo Privacy.