Aggiornamenti progetto Bambini Cardiopatici

Vi raccontiamo cosa è successo nelle ultime settimane con il progetto Cardiopatici.

Eravamo rimasti all’arrivo dei nostri bimbi… per Sulè (14 anni) è andato tutto nei migliori dei modi tanto che già dopo una settimana poteva lasciare l’ospedale; per Djadja (anche lei 14 anni) è stato tutto più complesso: l’operazione è andata bene ma una piccola ma antipatica infezione l’ha costretta a rimanere più di un mese in ospedale per essere curata con gli antibiotici. È stato un periodo di grande fatica e di continua attesa perché non vedeva l’ora di tornare dalla famiglia affidataria. Finalmente, poco prima di Natale ha potuto lasciare il piccolo mondo dell’ospedale e iniziare a scoprire quanto di bello la stava aspettando. A metà febbraio, come preventivato, Sulè e Djadja hanno fatto ritorno al loro paese.

Per i nostri amici di Verona sono stati mesi un po’ turbolenti, con fasi alterne e tanto, tanto impegno. Infatti, con Sisa (10 anni) e Izulina (4 anni) il percorso non è stato proprio lineare: le operazioni non hanno dato i risultati sperati e le due piccole guineensi hanno dovuto rientrare più volte in ospedale per controlli e brevi degenze. Alla fine per Sisa i medici hanno dato il via libera per tornare in Guinea dopo i tre mesi regolamentari, lasciando però aperta la porta ad un’altra operazione tra qualche anno. Per Izulina hanno preferito una permanenza in Italia più lunga per tenere monitorato il suo cuoricino e dargli il tempo di cicatrizzare un piccolo buco. Per fortuna è andata tutto a posto così a metà maggio Izulina ha potuto prendere l’aereo per riabbracciare la sua famiglia.

In più a fine gennaio, il Dr. Augusto ha accompagnato in Italia Lamine, una nostra vecchia conoscenza. Lamine era stato tra i primi bimbi ospitati con il nostro progetto: magro magro, con i suoi 8 anni e lo sguardo smarrito era arrivato in Italia nel 2012 per la sostituzione di una valvola mitralica. Negli anni ha continuato a sottoporsi ai controlli in clinica e la sua situazione sembrava buona e stabile. Fino al settembre scorso quando il Dr. Augusto ha dovuto fare i salti mortali per stabilizzarlo e l’ecografia ha evidenziato il malfunzionamento della valvola. Così, tra Bissau e Verona ci siamo attivati per fare i documenti e offrirgli la possibilità di essere rioperato. Con grande emozione lo ha ospitato la stessa famiglia di 6 anni fa e anche in ospedale la stessa equipe lo ha preso in carico. L’operazione in sé è andata bene ma c’è voluto del tempo perché il cuore ritrovasse il suo ritmo corretto. A fine aprile i medici hanno finalmente tolto tutte le riserve e anche lui a maggio è tornato a casa per riprendere il filo della sua vita.

E per il prossimo futuro?

Stiamo raccogliendo tutte le carte e facendo tutti i passi necessari per far operare altri piccoli amici dalla Guinea. Non sappiamo ancora le date precise, ma in estate arriveranno due ragazzi Dajo (5 anni) e Malam (13 anni) insieme a Erica (12 anni). Li aspettano già le famiglie ospitanti e la fantastica equipe dell’Ospedale di Bergamo.

Lascia un commento

Impostazioni Cookie
Tipologia Abilitato
Cookie tecnici
Per permettere il corretto funzionamento, questo sito utilizza i seguenti cookies tecnici (per cui non è necessario il consenso preventivo): wordpress_test_cookie,wordpress_logged_in_,wordpress_sec.
Altri tipi di cookie
Utilizziamo altri tipi di cookie per offrirti un'esperienza migliore sul questo sito web.
x

Kibintionlus.org per offrirti una migliore esperienza digitale su questo sito utilizza cookie di sessione e di terze parti. La prosecuzione della navigazione mediante consenso (pressione su ACCETTO) comporta l'accettazione all'uso dei cookie. Procedendo con la navigazione, dunque, autorizzi la scrittura di tali cookie sul tuo dispositivo. Se ritieni di modificare o negare il consenso, ti preghiamo di accedere al Centro di Controllo Privacy.